facebook

ORARI

Corso Vittorio Emanuele II, n.3 a - Cuneo     

I.T.O.S. CUNEO

image-861

Tel: 0171 605142 - 3428464015​     

Dal martedì al venerdì

9.00  12.30 - 15.30  19.00

 

sabato  9.00  12.00 - 15.30  18.00

domenica e lunedì  chiuso

Corso Vittorio Emanuele II n.3 a  12100 – Cuneo
 

Tel 0171 605142 - 3428464015​

image-861
convenzioni-asl-inail

CALZATURE e PLANTARI

1

L’esame baropodometrico
L’esame baropodometrico è un test che permette di valutare la qualità dell’appoggio a terra
dei piedi. Il test fornisce informazioni sulle pressioni che vengono scambiate tra la superÝcie
di appoggio del piede ed il terreno e valuta in modo approfondito la modalità di esecuzione
del passo ed eventuali alterazioni della deambulazione.

 

 

Descrizione dell’esame baropodometrico
Il soggetto viene messo, dal podologo, in una posizione statica, sopra un tappeto sensibile
alla pressione, mentre il suo sguardo è posto in avanti. Al tappetino è collegato un sistema
computerizzato che permette di far vedere all’esaminatore, su di un monitor, gli appoggi del
piede. L’analisi è costitutita da due fasi principali:

 

 

Analisi statica
Valuta l’appoggio del piede identiÝcando le aree di maggiore e minore carico (che sul
monitor appaiono come variazione tra il colore rosso ed il blu). Nella stessa seduta in pochi
minuti, si registrano anche:
La percentuale di carico sui due piedi
Carico anteriore e posteriore
Analisi stabilometrica e dei baricentri.
Superficie di appoggio delle piante dei piedi.

 


Analisi dinamica
Viene effettuata dal podologo, chiedendo al paziente di camminare sulla pedana Ýno alla
sua estremità e ritorno. La camminata può essere ripetuta più volte. Questa analisi veriÝca lo
spostamento del peso, l’appoggio, i tempi di carico, durante la camminata. A monitor è
possibile evidenziare la percentuale di appoggio sull’avampiede rispetto al retropiede, ed il
dispiegarsi della deambulazione.
 

 

Valutazione dell’esame baropodometrico
L’esame baropodometrico permette al podologo una valutazione anatomica e funzionale
del piede, fornendo inoltre una registrazione graÝca della pressione esercitata sul terreno,
sia quando il paziente si trova in posizione completamente eretta, sia quando cammina. Lo
studio della distribuzione di queste pressioni consente di valutare la biomeccanica
posturale e locomotoria unitamente alle sue variazioni patologiche.[1] L’esame pertanto è
utile nel descrivere la morfologia, la funzione e disfunzione statica e dinamica del piede.
L’esaminatore ne riceve anche un’impressione di eventuali patologie proprie del piede così
come di altri segmenti corporei interconnessi anatomicamente e funzionalmente con esso.
Ricerche sperimentali hanno evidenziato come le diÜerenze sessuali e le variazioni
allometriche associate con l’aumento della superÝcie plantare o la statura non sono
quantitativamente rilevanti né signiÝcative in rapporto alle variazioni di carico.

PLANTARISOFTWARE
Come creare un sito web con FlazioCaratteristiche sito web